Mamma, è vero che la felicità è fatta d’acqua? (28/52)

 
Il piccolo ultimamente è spesso triste. Gli mancano degli amici. Certo, ha una sorellina più piccola, ma è piccola davvero, e ci sono tante cose che lei non può fare. Io lo so che il problema si risolverà da solo, tra pochissimo, ma lui, che misura il tempo a pisolini, non ha idea di quanto siano quindici giorni…
Così invoca spesso i suoi due amichetti, gli unici che gli ho trovato, per caso, senza conoscere nessuno e senza parlare la lingua del posto…
Solo che i suoi amici giovedì erano impegnati. Siamo andati al parco lo stesso, e sono arrivati i bambini della scuola. Di solito trova qualcuno che vuole giocare con lui, ma quel giorno è stato sfortunato. Ha provato ad avvicinarsi a vari gruppetti, ma non ha funzionato. Poi ha cominciato a inciampare, a cadere, a imbronciarsi.
Chi non è mamma non lo sa, ma quando un bambino è triste lo è anche la mamma, tantissimo.
Per fortuna, questa volta ho trovato le parole giuste: ‘Ti va se andiamo sul fiume, a tirare i sassi?’ ‘Sì sì… grazie, mamma.’ …e quando dice ‘grazie mamma’ mi sento sempre un po’ in colpa perché, insomma, mica c’è niente di cui ringraziare!
A sad lonely day for my child became a wonderful morning, throwing stones in the water, and bathing in the river, and playing with a dog. Is happiness made of water, mummy?

 

Felicità-fatta-dacqua-3

 

Arrivati sul fiume, un giorno triste è diventato una delle mattine più belle di questa estate: abbiamo tirato i sassi in acqua, messo i piedi nel fiume, e poi il piccolo si è ritrovato mezzo nudo a sedere nella corrente della riva (con mamma che lo sorvegliava dalla spiaggia mentre reggeva la sorellina… la corrente al centro di un fiume è fortissima). È perfino arrivato un cane e la padrona ha lasciato che giocasse a palla con lui.

 

FelicitaCC80-fatta-d27acqua-2

 

Un pizzico di fortuna, sole, tanta acqua, ed era così felice… al ritorno camminava vicino al passeggino tranquillo portando la sua bicicletta, e mi raccontava tante cose. Si fermava a indicarmi di tutto, abbiamo ascoltato i grilli.
Spero di avere a lungo questi poteri magici – anche se, a dire il vero, l’unico vero segreto che ho, per ora, è cercare di avere pazienza.
E, un altro pensiero, spero di non essere mai io la causa della sua tristezza…

 

Felicità-fatta-dacqua-4

 

Prima di andare via, mentre sistemavo la piccola, è rimasto da solo, seduto, a guardare l’acqua. Chissà a cosa pensava?

 

Felicità-fatta-dacqua-5
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notify of
guest
26 Comments
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
serena (io imparo con la felicità)

lo sai che anch'io mi sento in colpa quando mi dicono grazie?! che strane che siamo…! sei stata brava a capovolgere la sua giornata…è anche un pò il potere dell'empatia!

clara
7 years ago

Un post davvero commovente! Sei un brava mamma!!!
Baci

mammapiky
7 years ago

Che meraviglia quella foto e chissà quanti pensieri !!! Nel loro essere "piccoli" sono così profondi!!!

Rachele
7 years ago

Piccolo tesoro!
…ancora basta così poco per renderli felici!

Rachele
7 years ago

p.s.
Ah! ti ho detto che ho fatto la tua Flammkuchen? Buonissima!!! :))

miss suisse
7 years ago

Bel post. Cucciolo. Come il mio "grande", un solare di natura. Ma qui è solo, lui, il chiacchierone, abituato a star con gli altri bimbi. Abituato a star sempre al parchetto, e qui non c'è. O meglio, c'è, ma con un solo gioco, da grandi, che lui aveva imparato ad usare…e si è rotto. I bimbi son pochissimi, e quando arrivano sono quelli della scuola. Sabato siam andati a veder il suo futuro asilo e quando siam andati via ha avuto una crisi di urla e pianto…per dire. Non so che dire..passerrÀ. Un abbraccio

Gio
Gio
7 years ago

L'ultima immagine è meravigliosa! Le tue parole mi hanno toccata, è proprio vero che quando i nostri figli sono tristi non possiamo fare a meno di essere tristi anche noi, ma è bello ogni tanto scoprire di avere questi "poteri magici" per farli tornare a sorridere, e rendersi conto che sono solo i poteri dell'ascolto, dell'empatia e della partecipazione ai loro piccoli dolori.

MotoPerpetuo
7 years ago

Che amore di bambino…

francesca rossi
7 years ago

è una piccola, bellissima storia.
i bambini piccoli hanno grandi capacità di recupero e di passare dalla tristezza alla gioia (e viceversa) 🙂

Elena Terenzi
7 years ago

Da mamma ti capisco benissimo, si vorrebbero vedere i nostri figli sempre felici, e tu hai fatto un ottimo lavoro!

MAMMAMARTY
7 years ago

bellissimo racconto e bellissima giornata!
saranno le cose che più vi ricorderete delle vs vacanze e del vs tempo insieme! grazie per le meravigliose condivisioni di un giorno come tanti…ma speciale;))

kid's modulor
7 years ago

che bella giornata!, che bello avere vicino un lago così, dove poter buttare sassi e bagnarsi i piedi!… peccato che non ci siamo altri bimbi vicino, spero che presto tornino i suoi amici. Un abbraccio.

kate cc
7 years ago

cara Silvia, mi ero persa questo post…
E' un equilibrio così difficile. Spesso la loro gioia o irritabilità è lo specchio della nostra stanchezza. Per fortuna ci sono poi momenti magici che trasformano la giornata in spensieratezza e danno la carica di belle emozioni ed energia per tutti.
Io sono convinta che un po di asilo faccia bene ai bambini perche stanno con altri bambini e alle mamme perche hanno tempo di ripigliarsi per tornare attive e felici a recuperare i piccoli ricaricate.
ti abbraccio
http://www.giokaconleo.blogspot.it

trackback
4 years ago

[…] when most of us old people would be blocked. It made me think about that sad and then wonderful day at the river, three years ago – when we found out that maybe happiness is made of […]